Skip to content

PRESSALCUBO

Fare Informazione

grande-fratello-vip-concorrenti-ufficiali-e-data-inizio_825139@GrandeFratello @GF_diretta

Il Grande Fratello è in onda. Quest’anno in gara ci sono i Vip.

E’ un segno evidente del cambiamento dei tempi. Una fusione bella e buona tra l’Isola dei Famosi e l’esperiemento mediatico più riuscito della storia. Peccato che dal punto di vista dello share fosse arrivato a rischio dimenticatoio.

Al Grande Fratello Vip partecipano Costantino Vitagliano, Elenoire Casalegno, Pamela Prati, Clemente Russo, Valeria Marini, Stefano Bettarini, Andrea Damante, Gabriele Rossi, Laura Freddi, Alessia Macari, Mariana Rodriguez, Bosco Cobos Vida, Antonella Mosetti e la figlia Asia Nuccetelli.

Condotto da Ilary Blasi e Alfonso Signorini, il piatto più ghiotto in assoluto per i voyeur è ben servito e alimentato da immagini rubate durante i tuffi in piscina e nelle docce, nelle stanze rosse dell’outing e cosa più importante, fra un approccio e l’altro nei momenti di piena convivialità.

Tra i segni particolari di questo fortmat troviamo, sicuramente, il viso completamente cambiato di Pamela Prati con un lifting ben protetto da un sapiente taglio dei capelli e lo “sfattume” presente sul volto di Valeria Marini, sul quale si intravedono intramontabili bozzi di “gorotex” (battuta) accerchiati da una pelle praticata dal tempo. In verità neanche Costantino è più lo stesso. Tanta strada fatta per ritornare al punto di partenza.

L’arte di farsi ritoccare impera tra i vip ed è la diretta conseguenza del dover sempre apparire per non finire un giorno all’interno di programmi come questi. Programmi che servono a riabilitare personaggi famosi oltre che a nobilitare dei perfetti sconosciuti.

E’ l’arte che, oggi, va di pari passo con l’arte di scegliere il costumino giusto in piscina od osare il topless nella maniera migliore, sotto la doccia.

Sembra di essere tornati ai film degli anni 70. All’erotico italiano che ha dato da mangiare a tanti attori che la fine del benessere degli anni 60 aveva accompagnato al tramonto della loro carriera creandone al tempo stesso dei nuovi.

A pensarci bene, se non fosse esistito quel tipo di cinema oggi, molti Premi alla Carriera non sarebbero stati consegnati ai diretti interessati. Sarebbero morti di fame ai loro tempi.

Che dire…?

A chi sa resistere… buona visione!

di Giovanni Pirri

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: