Skip to content

PRESSALCUBO

Fare Informazione

francisco-truco-blues#trucoblues #francisco

FRANCISCO è un nuovo progetto, ma con solide radici, che nasce dalla collaborazione tra Fabio Martino e Fabrizio Barale, già insieme nella lunga esperienza degli Yo Yo Mundi.
Dal 26 ottobre 2018 è disponibile il loro primo intenso disco dal titolo “Truco Blues” dove  Truco sta per il gioco di carte molto popolare che nasce nell’America del Sud.

Il gioco stesso è stato importato in Italia dai viaggiatori di inizio secolo scorso. Fino a qualche anno fa nelle osterie del Basso Piemonte – di cui Barale e Martino sono originari – era abitudine che gli anziani si riunissero e passassero i pomeriggi giocando al Truco e, cosa assai bizzarra, si parlassero in spagnolo per indicare i punti o le “mosse”.

Quegli stessi giocatori erano, un tempo, stati migranti, uomini e donne partiti e poi tornati dalle Americhe.
Alcuni di essi con qualche piccola fortuna, la maggior parte senza un soldo, un mazzo di carte in tasca ed una lingua nuova da ricordare. La narrazione di questa vicenda ci rimanda ad una atmosfera blues (inteso come quel sentimento di malinconia, di rassegnazione ma anche di voglia di rivalsa).

Da tutto ciò nasce il titolo di questo lavoro e l’intenzione di “dipingere” musiche per viaggiatori. Truco Blues è un ricco quadro musicale, libero nella forma, che brilla anche grazie ad una serie di fortunati incroci artistici, alle contaminazioni e alle collaborazioni con alcuni amici musicisti.

Guido Guglielminetti suona il basso, Lillo Fossati la batteria, Ismael Outtarà la voce di “Afro Talk”, Animor, che appare in “Fiore di Seta”, le voci multi-lingue di “Magnifico”, Fabrizio Pagella alla recitazione, la sezione fiati e la voce di Cerno dei The Vad Vuc ed altri ancora. Chitarra e fisarmonica si incontrano in questo progetto in cui la parte strumentale fa da ossatura alle liriche, affidate alla penna dello stesso Barale, delineando la forma definitiva di 12 tracce, di cui 7 cantate, 3 con recitati e 3 strumentali (Francisco hanno una forte vocazione a comporre musiche per sincronizzazioni).

I protagonisti di Truco Blues sono dunque il trattenere il fiato, il pazientare, il pensiero, l’ascolto, l’ombra ma anche tutti i suoi contrari.
Si ha la sensazione, ascoltando il disco, di doversi fermare anche solo per quell’attimo, di doversi scostare dal flusso continuo e travolgente delle cose. Di concedersi una breve pausa per poi riprendere il passo.

madre-ricorda-video

Annunci

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: