Skip to content

PRESSALCUBO

Fare Informazione

la_brouille@IF_italia

Una programmazione interamente dedicata al pubblico più giovane, con l’obiettivo di formare lo sguardo degli spettatori di domani.

Nasce così Génération Belle Saison: un fitto cartellone di spettacoli di musica, teatro, danza, arricchiti da laboratori creativi, workshop ed eventi speciali al via dal 27 ottobre fino al 25 novembre 2018 all’interno della stagione artistica dell’Institut Français Italia su iniziativa del Ministero della Cultura francese. Una sezione speciale pensata per offrire progetti artistici di qualità a bambini ed adolescenti, nella ferma convinzione che proposte mirate possano conquistare e arricchire ogni tipo di pubblico.

Génération Belle Saison prende vita anche grazie al coinvolgimento dei principali operatori del settore in Francia, e per merito di un dialogo serrato con le più importanti istituzioni culturali e le principali reti artistiche italiane, nella prospettiva di una sempre più fertile attività di cooperazione bilaterale.

Un ciclo inaugurato Segni New Generations Festival di Mantova, l’evento internazionale d’arte e spettacolo rivolto a bambini e giovani dai 18 mesi ai 18 anni, dal 27 ottobre al 4 novembre. Artisti provenienti da vari paesi del mondo si esibiscono in spettacoli, laboratori, percorsi d’arte, performances multidisciplinari in cui musica, pittura, teatro, scultura, danza si mescolano in una continua contaminazione tra le arti e in linguaggi non verbali accessibili a spettatori di ogni età e provenienza.

La programmazione prosegue poi al Festival Romaeuropa (Refkids), al Teatro Koreja di Lecce, al Città delle 100 scale, il Festival di Potenza e al Festival di Morgana a Palermo. Mentre Spazio Diamante di Roma e il Cirko Vertigo di Torino presentano l’ultima creazione della compagnia Defracto.

Segni New Generations Festival di Mantova parte il 27 e 28 ottobre dallo Spazio Studio Sant’Orsola con La Brouille, particolarissimo spettacolo di burattini della compagnia Theâtre des Tarabates dedicato a un pubblico dai 18 mesi ai 3 anni. Al posto di manovrare dei pupazzi Nicolas Saumont e il musicista Yann Honore scelgono di fare delle loro stesse mani le protagoniste di questa storia ispirata all’omonimo libro di Claude Boujon (edito in Italia da Babalibri). Una storia semplice e potente raccontata attreverso l’uso delle sole mani nude – strumento d’odio e d’amore –  che parla della scoperta dell’altro, dei conflitti, dell’intolleranza e delle possibilità di riconciliazione. Lo spettacolo, in collaborazione con Romaeuropa festival arriverà a Roma dal 16 al 18 novembre per la rassegna Ref Kids.

Sempre la compagnia Theâtre des Tarabates propone negli stessi spazi dal 31 ottobre al 4 novembre Mon monde à toi con cui Philippe Saumont sperimenta nuovi media destinati ai più piccoli muovendosi verso una nuova forma a cavallo tra pittura, poesia e musica dal vivo. Il pubblico è guidato dall’artista a riempire, la «pagina» bianca al suo arrivo, costruendo il suo mondo con i colori a disposizione. Guidati dalla musica e dalle parole di Apollinaire, ogni rappresentazione diventa unica. I bambini ispirati dall’associazione di parole e musica si esprimono attraverso il disegno e il colore dando vita ad una nuova poesia visiva.

cest_parti_mon_kiki

Dal 31 ottobre al 2 novembre al Contardo Ferrini di Mantova è la volta di Jacques Tellitocci, compositore, performer e polistrumentista attivo da oltre vent’anni e in grado di spaziare tra differenti sonorità e generi musicali. Il suo C’est Parti Mon Kiki è una performance dedicata ai bambini dai sei anni in su, in cui la musica incontra immagini video e video-mapping.

Un vibrafono occupa il centro del palcoscenico mentre un divertente personaggio segue i suoi ricordi d’infanzia e invita a entrare in quella che un tempo fu la sua tana. È uno spazio pieno di giocattoli sonori e di peluche tra cui il cane Kiki, fedele compagno di giochi, che risveglia tutta la sua immaginazione.

La musica, dal sapore cinematografico, puntellata da leggere sequenze teatrali, crea l’atmosfera speciale di questo spettacolo in grado di immergerci in un mondo delicato e poetico o di trasportare i più grandi nell’universo colorato dei ricordi della propria infanzia. Lo spettacolo, in collaborazione con i Cantieri Teatrali Koreja approderà a Lecce il 4 e 5 novembre e con Romaeruopa festival per Ref Kids, dal 9 all’11 novembre a Roma.

Il 1° novembre infine, tocca al progetto “Il patrimonio culturale – 13 Storie 13” con cui il festival SEGNI –  che in 12 edizioni ha accolto oltre 60 compagnie francesi – coglie l’occasione per riflettere sull’eredità materiale e immateriale del suo patrimonio nell’anno europeo del Patrimonio culturale. Palazzo Ducale aprirà le porte al pubblico per condividere un patrimonio architettonico e culturale unico: le sue magnifiche sale e le performance realizzate da artisti francesi e da un gruppo di ragazzi selezionato dall’Associazione Segni d’infanzia nell’ambito di un progetto di valorizzazione del talento dei giovani.

“La Francia in scena” è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam).

Calendario

27 – 30 OTTOBRE | La Brouille | Théâtre de Tarabates

27 e 28 ottobre alle ore 11:00, 16:30, 18:00 e il 29 e 30 ottobre alle 9:30, 16:00, 18:30 Contardo Ferrini, Mantova

31 OTTOBRE – 2 NOVEMBRE | C’est Parti Mon Kiki | Jacques Tellitocci

alle ore 11:30 e 17:30, Contardo Ferrini, Mantova

31 OTTOBRE – 4 NOVEMBRE | Mon monde à toi | Théâtre de Tarabates

alle ore 10:00 – 11:30 – 15:00 – 16:30 e 18:00, Spazio Studio Sant’Orsola, Mantova

1 NOVEMBRE | Il patrimonio culturale – 13 storie 13                                                         

alle ore 11:30 – 16:30 e 18:00, Palazzo Ducale, Mantova

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: