Skip to content

PRESSALCUBO

Fare Informazione

«Isolamente, è una parola che non esiste, ma si può leggere e interpretare come Isolamento, oppure come l’unione delle parole Isola e Mente – afferma Mauro Ottolini – La nostra mente si isola, scappa, fugge, per andare in un oasi immaginaria dove rimangono solo la bellezza della musica che ti circonda, la natura, l’amore e la speranza».

Nel corso dell’estate passata il progetto è stato interpretato live da un sestetto eterogeneo che ha portato questa musica in importanti festival come Umbria Jazz e la Triennale di MilanoLocomotive Jazz FestivalFestival di Trieste e in luoghi impensabili, tra le acque del Garda, sull’Adriatico, in vari porti di città marine e persino al Museo Malacologico di Cupra Marittima uno dei più importanti in Europa.

Nel disco hanno suonato: Mauro Ottolini (conchiglie, looper, strumenti artigianali fatti con le zucche, fischietti di Matera), Vincenzo Vasi (giocattoli, flauto conchiglia a naso, theremin, voce, looper, barattoli di plastica e materiale riciclato), Giulio Corini (contrabbasso), Simone Padovani (percussioni, barattoli di plastica, chincaglieria, grancassa) e Maurilio Balzanelli ( percussioni, hangdrum, percussioni ad acqua, conchiglie acchiappasogni).

 Il professor Tiziano Cossignani, uno dei più grandi esperti mondiali di conchiglie, direttore del museo malacologico di Cupra Marittima, commenta: “Da sempre la conchiglia è simbolo di fortuna e di protezione. La conchiglia per il mollusco è la casa che lo protegge da tutto, è una casa fortificata che lo preserva da ogni avversità, non a caso è la conchiglia sacra nell’induismo e, nel cristianesimo, conserva l’acqua santa nelle chiese, rappresenta la protezione per i pellegrini a Santiago di Compostela (la cappa santa) e compare nello stemma di Papa Ratzinger. La conchiglia è tanto protettiva che una di loro prende il nome di “ciprea” in onore a Cipro dove era venerata la dea Giunone simbolo della fecondità. Ma la conchiglia è stata anche la prima ad essere stata utilizzata come tromba, come elemento di richiamo, di fratellanza, di comunicazione e di difesa”.

Mauro Ottolini è stato nominato Ambasciatore alla cultura in Veneto per UNESCO per il suo contributo artistico e innovativo dato alla musica. Proprio nel 2019, in seguito al suo lavoro di ricerca sulle conchiglie, “SEA SHELL” – Musica per conchiglie, viene dedicata al musicista veronese la scoperta di una nuova specie di conchiglia, che il museo malacologico di Cupra Marittima, ha dedicato ad Ottolini dandole in nome di “Turritella Ottolinii”.

https://www.facebook.com/maurottolinijazz/ 

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: