Skip to content

PRESSALCUBO

Fare Informazione

Tag Archives: Brian Eno

world_premiere_of_music_for_solaris_at_unsound_festival_2010__s__wiatowa_permiera_muzyki_do_solaris_na_festiwalu_unsound_2010__photo_by_anna_spysz_01

BEN FROST e DANÍEL BJARNASON  visuals a cura di BRIAN ENO e NICK ROBERTSON
Esecuzione dal vivo di BEN FROST, DANÍEL BJARNASON e ORCHESTRA DELLA TOSCANA
VENERDÌ 8 LUGLIO – TEATRO DEI RINNOVATI, SIENA

Continue reading this article ›

Tag:, , , , , ,

MC-07-77 million paintings

This is the time for imagining and one of the ways
we learn to imagine is through the experience of art.

[Brian Eno]

Dal 25 giugno al 2 luglio 2016, Palazzo Te a Mantova ospita 77 Million Paintings for Palazzo Te di Brian Eno, l’inedito progetto di visual art ideato dal celebre artista inglese appositamente per Palazzo Te in occasione della nomina della città virgiliana a Capitale Italiana della Cultura 2016.
In contemporanea sarà presentata al pubblico l’installazione sonora The Ship: una sonorizzazione estesa che esplora il rapporto tra composizione musicale e ambiente, basata su una traccia dell’ultimo album di Brian Eno.

L’esclusivo progetto artistico per Mantova 2016, firmato da uno tra i principali innovatori della musica ambient, nasce da una proposta di Francesca Colombo, membro del Comitato Scientifico del Centro di Palazzo Te, ed è organizzato dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dal Museo Civico di Palazzo Te con il contributo di ENI.

L’installazione visiva 77 Million Paintings for Palazzo Te è un’opera spettacolare che, attraverso la proiezione di una combinazione di immagini in continua evoluzione, crea una di “pittura di luce” sulla facciata rinascimentale del museo.
Concepito come “musica visuale” grazie all’uso di un software generativo di immagini, 77 Million Paintings nasce dalla costante ricerca sulla luce come mezzo artistico di Brian Eno e dal suo desiderio di esplorare le nuove possibilità estetiche offerte dalla tecnologia. Creato inizialmente per portare l’arte sugli schermi piatti televisivi e sui monitor spesso oscurati e inutilizzati, il progetto, avviato nel 2006, si sta ora adattando a grandi installazioni nei musei e negli spazi pubblici di tutto il mondo.
“Permettendo a noi stessi di lasciar andare il mondo di cui dobbiamo far parte ogni giorno – spiega il compositore –  e di arrenderci a un altro tipo di mondo, permettiamo di avere luogo a processi immaginativi”.
Dopo i successi di Sidney e Rio de Janeiro, attesissimo a Mantova, 77 Million Paintings è allestito nel Giardino dell’Esedra di Palazzo Te, in via straordinaria aperto in notturna fino alle 24, e suggerisce un dialogo intimo tra arte rinascimentale e arte contemporanea molto suggestivo.
In contemporanea, le Fruttiere di Palazzo Te accolgono l’installazione sonora The Ship, dall’ultimo album di Brian Eno. The Ship è una sonorizzazione estesa che esplora il rapporto tra composizione musicale e ambiente, che viene allestito con il posizionamento specifico di luci e sorgenti audio collocate separatamente.
L’artista “veste” e illumina lo spazio per consentire agli altoparlanti di diventare una caratteristica visiva dell’ambiente stesso: il risultato è un’opera d’arte multistrato.
L’autore racconta: “Ho avuto l’idea di fare una canzone in 3 dimensioni – una canzone in cui vi fosse la possibilità di camminare dentro, una canzone che potesse trasformarsi in una sorta di scultura. Si tratta di alcuni altoparlanti, per mezzo dei quali possiamo fruire delle nostre esperienze musicali e che consideriamo normalmente oggetti neutri.
Ma ogni altoparlante è un tipo di voce e in questa installazione ho messo insieme una vasta gamma di altoparlanti, quelli più grandi, più piccoli, quelli buoni, o cattivi, o quelli rotti, e cucito le diverse parti della musica per le loro particolari caratteristiche.
Sto cercando di utilizzare il carattere particolare di ogni altoparlante come si potrebbero usare voci differenti in un’opera lirica. La canzone in sé affronta la prospettiva della morte. Quindi è un pezzo che riguarda gli altoparlanti e la morte”.
Dal 26 giugno al 17 luglio, lo spazio sonorizzato è fruibile anche durante l’orario di apertura diurna (9 – 19.30) con accesso contingentato (max 30 persone ogni mezz’ora).

Brian Eno è un musicista, compositore, produttore, cantante e visual artist inglese, noto come uno dei principali innovatori dell’ambient music. Come visual artist, Eno espone con regolarità sin dalla fine degli anni ’70: da Tokyo a Cape Town, da Rio de Janeiro a New York, da Londra a Madrid. Il suo lavoro è dedicato quasi esclusivamente alle possibilità offerte dal medium luminoso.
Nel 2009, Eno è stato invitato a esporre 77 Million Paintings sulle vele della Sydney Opera House, creando una in continua evoluzione, anche se a una velocità quasi impercettibile, una pittura di luce.
Due anni dopo, Eno è stato invitato all’acquedotto Arcos da Lapa a Rio de Janeiro, dove ha proiettato le painitings sugli archi, accompagnate da musica dal vivo.
Come compositore, ha scritto per numerose produzioni cinematografiche e televisive e composto il suono di avvio per Microsoft Windows 95. Ha scritto anche le musiche di tre applicazioni per iPhone, Bloom, Trope e Scape.
Come performer, ha prodotto e collaborato agli album di artisti come Talking Heads, David Bowie, U2, James, Laurie Anderson, Coldplay, Paul Simon e Grace Jones.
Il suo lavoro pionieristico sui “paesaggi sonori” inizia con “Ambient 1: Music for Airports” seguito da “Apollo: Atmospheres and Soundtracks”, composto per il film documentario “For All Mankind”. Il suo album “High life” realizzato in collaborazione con Karl Hyde è stato pubblicato dalla Warp Records nel 2014.
Nel 2016 è uscito il suo ultimo album “The Ship”.

77 Million Paintings for Palazzo Te
25 giugno – 2 luglio 2016
ORARI
21.30 – 24.00

The Ship
La sonorizzazione è ad accesso contingentato fino a esaurimento posti.
ORARI
Dal 26 giugno al 2 luglio:
9.00 – 24.00 (27 luglio 13.00 – 24.00)

Dal 3 al 17 luglio:
lunedì 13.00 – 19.30; martedì – domenica 9.00 – 19.30

BIGLIETTERIA
INTERO                € 12,00
RIDOTTO            € 8,00
RIDOTTO SPECIALE        € 4,00

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
http://www.centropalazzote.it
http://www.vivaticket.it

Tag:, , , , ,

image001(4)

(@RBMA) (@flyinglotus) (@giorgiomoroder) (@dark_shark) (@carlcraignet)  (@TeamErykahBadu) (@mrjamesholden)

4 settimane di workshop, 25 eventi in 34 serate con 250 artisti in oltre 20 differenti location in tutta la città.

Continue reading this article ›

Tag:, , , , , , , , , ,

HEAVY-SEAS-OF-LOVE-PACKSHOT(@Damonalbarn)

Un nuovo singolo anticipa la pubblicazione del primo e atteso album da solista di Damon Albarn. “Heavy seas of love” è titolo del brano da oggi in radio che vanta la collaborazione di Brian Eno.HEAVY-SEAS-OF-LOVE-PACKSHOT(@Damonalbarn)

A new single anticipates the publication of the first and awaited solo album from Damon Albarn. “Heavy seas of love” is the title of the song on the radio today that boasts the collaboration of Brian Eno.

Continue reading this article ›

Tag:, , ,

HEAVY-SEAS-OF-LOVE-PACKSHOT(@Damonalbarn)

Un nuovo singolo anticipa la pubblicazione del primo e atteso album da solista di Damon Albarn. “Heavy seas of love” è titolo del brano da oggi in radio che vanta la collaborazione di Brian Eno.HEAVY-SEAS-OF-LOVE-PACKSHOT(@Damonalbarn)

A new single anticipates the publication of the first and awaited solo album from Damon Albarn. “Heavy seas of love” is the title of the song on the radio today that boasts the collaboration of Brian Eno.

Continue reading this article ›

Tag:, , ,

Brian_Eno
«
Perché sto facendo questo,
e che differenza può fare?»
[BRIAN ENO]

WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? è un lungometraggio girato lo scorso maggio durante la Red Bull Music Academy di New York, dal pluripremiato regista Ralf Schmerberg (e dal collettivo berlinese Mindpirates), che racconta in immagini lo spirito dell’Academy e una nuova generazione di artisti alla ricerca della propria identità nello scenario musicale della grande mela.

WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? è disponibile gratuitamente su www.rbma15.com.   

WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? vuole sintetizzare lo spirito della Red Bull Music Academy che, da 15 anni, mira a far incontrare musicisti d’avanguardia promuovendo il confronto, stimolando la creazione e lo scambio e celebrando uno stile di vita dedito alla musica.

Il film cattura l’energia e l’atmosfera ricca di ispirazione dell’Academy e cerca di cogliere gli aspetti cruciali del percorso necessario per diventare un musicista.

Erykah_Badu

I volti e le parole di artisti come Lee “Scratch” Perry, Brian Eno, Philip Glass, Giorgio Moroder, Erykah Badu, Nile Rodgers, Rakim, Skream, Q-Tip, Bernie Worrell, Egyptian Lover, Ken Scott, Thundercat, Richie Hawtin, James Murphy, Debbie Harry e Stephen O’Malley e tanti altri fanno la loro comparsa nel film. Tutti questi musicisti, che hanno avuto un ruolo determinante nel plasmare il panorama musicale contemporaneo, hanno partecipato, nel corso di 15 anni di esplorazione musicale in giro per il mondo, come docenti o tutor al progetto dell’Academy .

Le scene di New York, girate nello stile “cinema verità”, si intrecciano alle interviste rilasciate da musicisti che si trovano agli esordi o all’apice del proprio contributo alla storia della musica e allo spettatore viene ricordato il significato universale del tentativo di creare qualcosa di significativo.

Schmerberg focalizza la sua attenzione sui musicisti e sulla loro evoluzione durante il processo creativo, documentando il modo in cui l’Academy e l’ambiente che la circonda riescano ad amplificare l’estro degli artisti e, in molti casi, a contribuire ad un’esperienza che può cambiare la vita. What difference does it make? non è solo un film sulla musica, ma un’opera che affronta alcuni dei temi più importanti della vita.

«Come si diventa perfetti? Mangiate verdura»
LEE “SCRATCH” PERRY

www.rbma15.com

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

VIVERLAMUSICA

RED BULL MUSIC ACADEMY presenta in anteprima il lungometraggio “WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? A FILM ABOUT MAKING MUSIC” . Sarà disponibile in digitale  dal giorno  18 febbraio sul sito www.rbma15.comVIVERLAMUSICAVIVERLAMUSICA

RED BULL MUSIC ACADEMY presents a preview of the feature film “WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? A FILM ABOUT MAKING MUSIC “. It will be available digitally from 18th of February on the site http://www.rbma15.com.

Continue reading this article ›

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

VIVERLAMUSICA

RED BULL MUSIC ACADEMY presenta in anteprima il lungometraggio “WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? A FILM ABOUT MAKING MUSIC” . Sarà disponibile in digitale  dal giorno  18 febbraio sul sito www.rbma15.comVIVERLAMUSICAVIVERLAMUSICA

RED BULL MUSIC ACADEMY presents a preview of the feature film “WHAT DIFFERENCE DOES IT MAKE? A FILM ABOUT MAKING MUSIC “. It will be available digitally from 18th of February on the site http://www.rbma15.com.

Continue reading this article ›

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Damon_Albarn_UNDER_EMBARGO_UNTIL_21_JAN_2014__MG_9776_-_Photocredit_Linda_Brownlee

Un nuovo album di Damon Albarn – il suo primo album da solista – dal titolo “Everyday Robots” sarà pubblicato dalla Parlophone il 29 aprile 2014. L’album è disponibile in preorder sia nella versione deluxe EVERYDAY ROBOTS SPECIAL EDITION  che in quella standard  EVERYDAY ROBOTS STANDARD (Clicca sui titoli per acquistarli su ITUNES)

Continue reading this article ›

Tag:, , , , , ,